Eventi in varie citta’ della Provincia di Palermo per il 31° Anniversario della strage di Capaci

 

Termini Imerese

In occasione del 31° Anniversario della Strage di Capaci, domani, a Termini Imerese  si svolgerà il “Corteo della Legalità”, con partenza da Piazza Sant’Antonio alle ore 9:00 e arrivo in Piazza Duomo dove le scuole saranno impegnate nel Laboratorio della Memoria.
Grandi e piccini cammineranno insieme indossando una semplice maglietta bianca a ricordare che le “lenzuola bianche”, mosse dal vento della bellezza, siamo noi che, con sete di speranza e giustizia, intendiamo proseguire nell’impegno quotidiano di ricostruire il tessuto sociale del nostro paese, diventando cittadini consapevoli che la Legalità conviene e che le schiene dritte sono le più belle.

 

 

Palermo 

In occasione delle celebrazioni del XXXI Anniversario della strage di Capaci, diverse sono le iniziative promosse dalla Polizia di Stato e previste per le giornata del 23 maggio p.v., nello specifico:

  • H 09.00-12.00, Giardino della Memoria: nell’arco orario indicato, nel Giardino della Memoria, diverse scolaresche saranno intrattenute con varie attività formative incentrate sul tema della legalità a cura dell’Associazione “Quarto-Savona 15” e del suo presidente, Sig.ra Tina Martinez Montinaro.

 

 

H 12.30-17.00, Caserma “P. Lungaro”:

 

  • H 12.35-12.45, deposizione Corona di Alloro presso la lapide collocata nell’atrio del Reparto Scorte.
  • A seguire vi sarà la visita del giardino in cui è ubicata la “Teca Quarto-Savona 15”.
  • H 13.00, proiezione, presso l’aula “Corona”, del docufilm “I ragazzi delle scorte: La Quarto Savona Quindici”, patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, in cui la Sig.ra Tina Martinez Montinaro e l’Ispettore della Polizia di Stato Dario Falvo svolgono il ruolo di protagonisti.

 

 

  • H 16.00-17.58, Giardino della Memoria: nell’arco pomeridiano l’associazione Quarto-Savona Quindici e diverse scolaresche procederanno alla piantumazione di un albero di Ulivo che sarà dedicato al Prefetto della Repubblica Fulvio Sodano, alla presenza della moglie e del figlio. Il tutto sarà accompagnato dagli intermezzi musicali del cantautore Jaka e del gruppo “Musica contro le mafie” di Gennaro de Rosa con l’intrattenimento dell’attore e conduttore televisivo Pif. Alcuni studenti leggeranno dei brani tratti dal libro “Non ci avete fatto niente”, scritto dalla Sig.ra Montinaro ed edito dalla DeAgostini. Alle ore 17.58 un trombettiere della Polizia di Stato eseguirà il Silenzio d’Ordinanza.

23 maggio : mostra, organizzata dalla Fondazione Le Vie dei Tesori e dal Comune di Palermo -assessorato alla Cultura su un progetto della Fondazione Tricoli, è stata realizzata con il supporto dell’ARSdell’assessorato regionale ai Beni culturali, di Confcommercio Palermo, del Cresm, dell’Ersu. “Questo teatro riapre dopo quattro anni con Le Vie dei Tesori che ha fatto della riappropriazione degli spazi, la sua missione – interviene Laura Anello, presidente della Fondazione Le Vie dei Tesori – E lo facciamo in questa Kalsa dove Falcone e Borsellino sono cresciuti”. Per la Fondazione Tricoli “le foto di Tony Gentile per le nuove generazioni sono una testimonianza forte di cosa ha rappresentato la barbarie mafiosa degli anni ‘70 e ’80 – dice Fabio Tricoli – Dopo questo momento di riflessione, ci attende il trentennale della morte di don Pino Puglisi: ci impegneremo a diffondere la cultura delle legalità con nuovi progetti che possano arrivare nelle periferie”. Confcommercio sostiene la mostra. “Siamo vicini a chi con la cultura promuove la legalità – dice il presidente di Confcommercio Palermo, Patrizia Di Dio, vicepresidente nazionale con delega alla legalità -. Il nostro impegno antimafia è testimoniato anche dalla costituzione di parte civile in decine di processi perché il mondo imprenditoriale sano respinge con fermezza la contiguità alla criminalità organizzata e sostiene chi denuncia”.

 

Inaugurato nel cuore dell’antica Kalsa nel 1861 dall’Eroe dei due mondi che da questo palcoscenico arringò la folla, il Teatro Garibaldi subì una prima chiusura fino al 1906, poi funzionò trent’anni come cinema (si chiamò anche Araldo) poi fu serrato di nuovo per riaprire a metà anni Novanta. Occupato nel 2012 dai lavoratori dello spettacolo, venne sgomberato e affidato a Manifesta 12 durante Palermo Capitale italiana della cultura. Era chiuso dal 2019. Il Comune ha provveduto alla pulizia degli spazi e delle uscite di sicurezza, ed è stato sradicato l’albero nel giardinetto attiguo che era diventato instabile. È stato nominato un comitato di gestione che valuterà le proposte di spettacoli da ospitare e si sta già pensando a costruire un cartellone.

 

La mostra sarà visitabile fino al 9 luglio, ogni giorno dal martedì al giovedì dalle 11 alle 19; da venerdì a domenica dalle 11 alle 21. Visite e coupon sul sito www.leviedeitesori.com

 

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi copiare contenuti da questa pagina.

× Come possiamo aiutarti?