Covid: Nuova variante, con nuovi sintomi, arriva dall’India e si chiama “Arturo”

Sembra essere una nuova variante, con nuovi sintomi, quella documentata in queste ore, dai medici indiani alle prese con una nuova ondata di contagi. Ciò che preoccupa è un nuovo sintomo del Covid-19 che sta emergendo con questa sottovariante battezzata  ‘Arturo’, responsabile di un rossore unito a bruciore agli occhi diffuso soprattutto tra i bambini, simile a una congiuntivite allergica, che raramente era stato riscontrato nelle manifestazioni della malattia con le altre mutazioni di Omicron.

Benché in Europa e negli Stati Uniti l’emergenza pandemica sembra essere ormai scemata, l’India invece è alle prese con una nuova fase di contagi. Secondo il ministero della Salute del Paese asiatico i nuovi casi di Covid-19 sono arrivati a toccare quasi quota 8mila in 24 ore, il numero più alto registrato negli ultimi sette mesi.
La causa è da ricercare proprio nella nuova sottovariante Xbb.1.16, chiamata ‘Arcturus’, ultima della famiglia Omicron, più veloce rispetto alle precedenti, ma meno letale. Ma niente paura perché questa mutazione del Sars-CoV-2 nonostante segni un’impennata di contagi pare non sia accompagnata da una crescita di ricoveri e decessi, il sistema sanitario del Paese infatti si sta preparando a un eventuale balzo della curva epidemiologica, rinforzando sicuramente la rete delle terapie intensive ma senza allarmare la popolazione.
La nuova variante Arturo è stata rilevata in 22 Paesi in tutto il mondo, tra i quali anche nel Regno Unito dove, anche se sono stati segnalati meno di 100 casi, ha innalzato il livelli di allerta per il boom di casi registrati nel paese indiano.
Sembra però emergere un’alta incidenzadi casi che hanno colpito soprattutto i neonati trattati con febbre alta, raffreddore e tosse e congiuntivite pruriginosa e non purulenta con occhi appiccicosi, non osservati nelle precedenti ondate“, è bene dunque avere un atteggiamento prudente e  attenzione sempre alta a questi sintomi.

+1
0
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

SCRITTO DA:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi copiare contenuti da questa pagina.

× Come possiamo aiutarti?